Inserire nel campo sottostante una parola qualsiasi per effettuare una ricerca all'interno di tutte le citazioni presenti. Utilizzare caratteri standard per far si che la ricerca sia il più possibile precisa.
RICERCA
Per effettuare una ricerca in base ad una specifica area del corpo (bocca, mani, ecc) o struttura della pelle (peli, unghie, ecc) è sufficiente selezionare l'area interessata facendo un clic con il mouse sulle due silhouette umane posto qui di lato
"Avere guance in carne è propizio per chiunque, ma soprattutto per le donne, mentre averle magre o lacerate indica dolore o lutto: in particolare averle magre indica dolore, averle lacerate lutto, in quanto è quando sono in lutto che gli uomini si lacerano le guance."
AUTORE: Artemidoro di Daldi
TITOLO OPERA: Il libro dei sogni
EDITORE: Rizzoli
ANNO EDIZIONE: 2006
CATEGORIA: Guance
"Aveva lasciato a Filache la sposa, che disperata si graffiava le guance, e una casa priva ancora di figli; l'uccise uno dei Dardani appena saltò giù dalla nave, primo tra tutti gli Achei."
AUTORE: Omero
TITOLO OPERA: Iliade
EDITORE: BUR Classici Greci e Latini
ANNO EDIZIONE: 1996
CATEGORIA: Guance
"Come uno che ha visto un serpente fa un balzo all'indietro nella gola di un monte, e il tremore gli prende le membra, sui suoi passi ritorna, il pallore gli invade le guance, così di nuovo nel gruppo dei Troiani animosi s'infilò Alessandro simile a un dio, temendo il figlio di Atreo."
AUTORE: Omero
TITOLO OPERA: Iliade
EDITORE: BUR Classici Greci e Latini
ANNO EDIZIONE: 1996
CATEGORIA: Guance
"Della donna di lui sono tutte graffiate le guance, i figli restano orfani; arrossa di sangue la terra e si fa putrido, gli sono intorno più uccelli che donne."
AUTORE: Omero
TITOLO OPERA: Iliade
EDITORE: BUR Classici Greci e Latini
ANNO EDIZIONE: 1996
CATEGORIA: Guance
"Basta, cercate di quel dottore alto, asciutto, pelato, col naso rosso, e una voglia di lampone sulla guancia."
AUTORE: Alessandro Manzoni
TITOLO OPERA: I promessi sposi
EDITORE: Sansoni
ANNO EDIZIONE: 1971
CATEGORIA: Guance
"Mentre lascio che coli, inutile, una lacrima dalla guancia irsuta delle piazze, io, forse, sono l'ultimo poeta."
AUTORE: Vladimir Majakovskij
TITOLO OPERA: Poesie
EDITORE: BUR
ANNO EDIZIONE: 2014
CATEGORIA: Guance